Discussione Autore Data e ora
Dimissione del gruppo di maggioranza

Sono trascorsi circa 20 giorni dall'interrogazione che il gruppo di minoranza ha rivolto al Sindaco sulla chiusura dell'edificio scolastico e nessuna risposta ad oggi Ŕ ancora pervenuta .

Le quattro richieste elencate nel documento esposto in bacheca il 10 gennaio 2003 erano le seguenti :

1) In seguito alla rinuncia dell'incarico per le verifiche di stabilitÓ del palazzo, da parte dell'Ing. E. Travaglini, a quale professionista esperto Ŕ stato affidato il nuovo incarico e se Ŕ stata rimessa una relazione sugli interventi da effettuare insieme al preventivo di spesa per l'adeguamento dell'edificio;

2) Se sono state avanzate richieste di finanziamento alla Regione ed altri Enti al fine di ottenere la somma necessaria per i lavori ;

3) Quando saranno di nuovo accorpate tutte le classi delle scuole elementari e ripristinati i servizi mensa e il programma didattico previsto all'inizio dell'anno;

4) Infine, si vuole conoscere l'intenzione dell' Amministrazione Comunale in merito all'ipotesi di abbattere l'edificio scolastico e dare all'area una destinazione diversa.

Domande semplici e chiare alle quali qualsiasi Amministrazione avrebbe dovuto rispondere in modo sollecito e preciso, con responsabilitÓ e consapevolezza.

Il sottoscritto chiede, che gli amministratori si dimettano dal loro mandato a governare la cosa pubblica .

Mario
Mario mercoledý 29 gennaio 2003 - 23.15.30
Risposte Autore Data e ora
risposta a Mario(?!)

Caro Mario, tu sei sicuramente in malafede; lo dimostra anche il fatto che ti nascondi. Tuttavia voglio soddisfare le tue premure, significando quanto segue:
1) la risposta all'interrogazione del Gruppo di Minoranza Ŕ stata fatta nei termini previsti dal Regolamento Consiliare e tu non ne sei a conoscenza;
2) la risposta Ŕ stata semplice, precisa, corretta, consapevole e responsabile;
3) prima di chiedere le dimissioni degli altri, dovresti prima interrogare te stesso sul valore del ruolo che hai recitato.
Il Sindaco di Casoli

Giancarlo Barrella giovedý 30 gennaio 2003 - 13.03.24
scuola non SQUOLA!

La mia non Ŕ una vera risposta a quella del sindaco, anche perchŔ non voglio entrare in discussioni imperniate su logiche di potere a me per ora ancora sconosciute...ma, vorrei solo esprimere il mio modesto parere in merito:
- La Scuola Ŕ il principale istituto,strumento, luogo di socializzazione che conosciamo e pertanto va tutelata...non Ŕ concepibile che prime,seconde e terze siano in un posto e quarte e quinte addirittura alle scuole medie. Ma quanti genitori stanno pensando a questo?E quanti invece, pensano solo ai loro interessi?E quanti stanno strumentalizzando una disgrazia?

una giovane casolana lunedý 3 febbraio 2003 - 10.20.44
edificio scolastico

Propongo una sottoscizione che blocchi ogni libera decisione sul destino dell' "edificio scolastico" da parte del gruppo di maggioranza senza aver prima chiesto l'opinione dei cittadini casolani

Adelia giovedý 6 febbraio 2003 - 11.48.03
Dimissione del gruppo di maggioanza

Sono perfettamente d' accordo con Adelia e, d' altra parte, Alleanza Nazionale, asse portante di questa maggioranza, non Ŕ forse sempre stata favorevole a forme plebiscitarie?
E allora cosa c' Ŕ di pi¨ plebiscitario e democratico di un bel referendum? Cordiali saluti.

Un cittadino casolano domenica 9 febbraio 2003 - 17.17.01
Quale scelta richiede coraggio ?

Egregio Signor Sindaco,
mi dispiace, io sono "un Altro", non appartengo al rango di cittadino di questo Comune, sono uno di quelli che lei ha definito "gli altri" nella sua risposta del 23 gennaio. Ho letto un articolo a cura di Antonello Masciantonio apparso nell'ultimo numero del giornale "Casoli ComunitÓ" che recita testualmente: "molte scelte - ha detto il Sindaco Barrella - richiedono coraggio, come l'ipotesi di trasformazione urbana del Centro Urbano legato al destino dell'edificio scolastico elementare ". Gradirei conoscere in concreto, quali sono queste "scelte coraggiose" .

Un Altro

Un Altro domenica 9 febbraio 2003 - 19.22.58

Torna al menu


www.casoli.org